Attenzione!

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e dei cookie di profilazione di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

lunedì 21 ottobre 2013

Omaggio a Georges Descrières

Come molti di voi sapranno, è scomparso Georges Descrières un grande attore francese noto in Italia, per aver prestato, in passato, il volto ad Arsène Lupin di Maurice Leblanc
Descrières si accostò al personaggio con grande ironia, classe ed innata eleganza e io spero di ricordarlo per sempre così.
Adieu Georges.


Omaggio a Georges Descrières
© 2013 Testo disegni e colori  di Daniele "tarlo" Tarlazzi

sabato 19 ottobre 2013

I mali del mondo

Ci sono giorni in cui osservi ed ascolti il mondo. Mi stupiscono i volti e le frasi delle persone che lo abitano. In quei volti e in quelle parole sono nascoste tanta rabbia e arroganza.
Rabbia e arroganza sono sentimenti che in realtà nascondono un grande vuoto... 
Un vuoto così grande che ti chiedi se tutte quelle persone, sono state curate dalla dottoressa Giò (e per chi non sapesse chi è la famosa dottoressa in questione, allego una ridente immagine)




mercoledì 16 ottobre 2013

Diario di un Tarlo (ogni tanto): L'anniversario

Dicono che nel mio profondo esiste un guerriero (io lo ignoravo). 
Comunque mi dicono che c'è e quindi mi fido.
Detto questo,comunico quanto segue: tra poche ore sono 4 anni che io e Valy (mia mezza mela) siamo sposati e forse, se c'è un guerriero tra i due, potrei non essere io.
A questo punto: all'affermazione "sono quattro anni che siamo sposati", interviene mia moglie facendomi notare che gli anni di matrimonio sono solo tre. Segno che il mio cervello va avanti non di poco considerando che, giorni fa, volevo festeggiare i 50 anni di vita, mentre ne compio solo 49 a giugno...
Ok: d'accordo: sono tre anni, lo ammetto!                                 Ma il mio è comunque un ragionamento così profondo (ancorché alcoolico) che mi porta a pensare che l'anno in cui uno si sposa, sia l'anno "UNO" e non l'anno "ZERO" nel qual caso si festeggiano quattro anni dalla data del matrimonio nonché i tre da quella del primo anniversario... o no? Come dite? Sentite un vago rumore di unghie che stridono sui vetri? 
Va beh dai ho capito: vado a dormire! Io comunque, tre o quattro anni che siano, festeggio lo stesso!

lunedì 14 ottobre 2013

Area 51

Area 51...





Area 51
Di Ricky



Il senso della vita 2

Ci sono!

Il senso della vita è 45!!!

No... accidenti... ho di nuovo sbagliato i calcoli.


Alister

Cacca Pupu´

Cacca Pupu´

il Bria

La vita ha un senso?

La vita ha un senso? Certo che si.
Ha senso quando ti ostini a girare cinque diversi supermercati per trovare l'ingrediente di una ricetta che tu nemmeno assaggerai. 
Ha senso, quando quell'ingrediente che comunque nessun supermercato al momento ha a tua disposizione, ti costringe a sostituirl utilizzando la fantasia, con un altro magari modificando profondamente la ricetta prevista.
Ha senso quando suona il campanello di casa e ti consegnano un pacco contenente un oggetto desiderato.

Fin qui i lati positivi della cosa perché a volte, pare che il senso della vita, ci sfugga dalle mani.
Un esempio? Facile: quando le istituzioni decidono, in barba al rispetto della vita, decidono di uccidere una sessantina di daini colpevoli di rovinare l'ecosistema di una pineta (Vi garantisco che è accaduto realmente) sita in una città che ambisce a diventare, nel 2019, una capitale della cultura. Quale cultura? quella della vita? 
Ci sono poi da mettere sul piatto della bilancia, le prospettive di uno stato in crisi. 
Uno stato che in molti casi gioca o ha giocato con il senso della vita di tutti noi.

Ma allora la vita che senso ha se non quello di respirare, pagare, arrabbiarsi, combattere o ridere?
Forse dovremmo cercare la risposta nella bellezza di tutti i giorni: in un'alba o in un tramonto, nei temporali e negli occhi di chi ci sta accanto.
Spesso però siamo molto, troppo occupati per darci risposte filosofiche.
Molto più semplice trovare uno spirito guida (magari leggermente alcoolico) che ci fornisca qualche speranza e nella speranza trovare quella risposta che tutti noi conosciamo: una sola, unica risposta: QUARANTADUE!



Filosofia alcoolica
© testo disegni e colori di Daniele "tarlo" Tarlazzi

Il senso della vita

Ho chiesto al mio schiav amico Tarlo (in arte Daniele) di aprire questo blog perché vorrei scoprire il senso della vita insieme a voi, chiunque siate. Solo che adesso sono un po' preso per cui facciamo un'altra volta, d'accordo?

Alister